Vai al contenuto

Acidità di stomaco e gastrite, perché in primavera aumentano e come intervenire?

    Il mal di stomaco durante il cambio stagionale, precisamente dall’inverno alla primavera, potrebbe essere una delle situazioni con le quali ci si deve relazionare con maggior frequenza.

    Perché si soffre di mal di stomaco in primavera

    Il mal di stomaco, molto spesso, è associato a una cattiva alimentazione oppure al consumo eccessivo di cibi grassi e potenzialmente dannosi per la propria salute.
    Ebbene, anche il cambio stagionale, da invernale a primaverile, può essere uno dei fattori che comporta gastriti, reflussi e mal di stomaco.
    Questo accade in quanto avviene un cambiamento dell’attività del metabolismo, con un incremento della produzione di acido cloridrico nello stomaco che ha un effetto tutt’altro che positivo, visto che i crampi e i dolori saranno una delle conseguenze che si dovranno fronteggiare quando questo processo fisiologico viene avviato.

    Quali sono le persone che soffrono di mal di stomaco durante il cambio stagionale

    In particolar modo sono le persone stressate e con la flora batterica dello stomaco alterata a soffrire di questo particolare disturbo.
    L’incremento dell’acido cloridrico nello stomaco comporta una condizione fisica tutt’altro che ottimale, perciò i crampi potrebbero essere una diretta conseguenza di tale situazione.
    Anche coloro che assumono ferro mediante gli integratori potrebbero riscontrare problemi allo stomaco durante questo particolare periodo dell’anno e lo stesso vale per chi ha una motilità gastrica lenta o assume farmaci, come antinfiammatori.


    Come evitare che i problemi allo stomaco possano palesarsi

    Per evitare che il cambio di stagione possa accentuare le problematiche allo stomaco occorre necessariamente adottare delle misure che prevengono tale situazione.
    In particolar modo occorre cambiare la propria alimentazione, prediligendo dei pasti leggeri specialmente durante la sera: la cena non deve essere eccessivamente pesante e, inoltre, è consigliato anche praticare attività fisica leggera, ovvero una camminata di almeno trenta minuti, dopo il pranzo.
    Il riposo serale deve essere svolto dopo tre ore dalla cena, in maniera tale che gli alimenti consumati siano digeriti, così come bisogna evitare l’assunzione di bevande gasate oppure quelle che contengono acidi, come le spremute agli agrumi, nonché prevenire l’assunzione di cibi eccessivamente grassi, salati o piccanti.
    Anche le bevande troppo fredde devono essere prevenute, per evitare uno shock termico nello stomaco.
    In tal modo l’attività dello stomaco potrà essere regolata e i dolori non caratterizzeranno le proprie giornate durante il passaggio dall’inverno alla primavera.