Vai al contenuto

Insonnia: cause e rimedi

    In Italia sono circa nove milioni le persone che soffrono di insonnia o, in generale, di problemi legati al sonno come difficoltà a dormire o ad addormentarsi. Le conseguenze possono essere anche gravi e rendono difficile la vita di tutti i giorni.
    Una persona che soffre di insonnia infatti non è in grado di concentrarsi oppure può essere spesso irritata ed affaticata.
    È importante quindi capire quali sono le cause di questi problemi e come curarli.

    Cause dell’insonnia
    Le cause che possono portare questo disturbo sono molteplici, ma le possiamo racchiudere in due tipologie differenti:

    • insonnia primaria: è indipendente da ogni altro disturbo e può presentarsi in qualsiasi momento. Spesso viene indotta da una situazione di stress in cui vive chi ne soffre come un eventuale cambio di lavoro, problemi economici o familiari.

    • insonnia secondaria: questa tipologia si manifesta a seguito di malattie psichiatriche come l’ansia o la depressione. Anche l’abuso di sostanze psicoattive può essere causa di forme più o meno gravi di insonnia.

    Tuttavia, si parla di insonnia quando si passano circa 10-15 giorni senza dormire e non solo dopo un paio di notti in bianco. È importante rivolgersi ad uno specialista se la situazione comincia a diventare grave, evitando il più possibile i metodi fai da te che possono peggiorare la situazione.

    Vediamo quali regole seguire quando si soffre di tale disturbo.

    Rimedi per l’insonnia
    Prima di ricorrere a medicinali o integratori è meglio seguire delle semplici regole che possono facilitare la cura.
    Qualora si soffrisse di insonnia primaria, può essere utile risolvere (ove possibile) le situazioni che arrecano stress. Inoltre, praticare alcune semplici attività di yoga possono aiutare a rilassarsi per rilasciare la tensione e lo stress accumulati.
    Dormire in una stanza senza fonti luminose e soprattutto solo quando si ha davvero sonno, aiuta a dormire in maniera continua ed efficace.
    Bisognerebbe crearsi una routine prima di andare a letto come bere una tisana, leggere qualche pagina di un libro o effettuare un pasto leggero.
    Infine, è importante capire che non tutti necessitano di 8 ore di sonno: spesso l’idea che non si ha dormito abbastanza può causare ansia e stress, ogni individuo ha bisogno di una certa quantità di sonno, che varia da persona a persona e non sempre 8 ore sono poche (oppure troppe).

    Qualora questi piccoli consigli non riuscissero a risolvere la situazione, potete recarvi in farmacia e sapremo consigliarvi i rimedi migliori in base alla gravità del vostro disturbo.